Dialogo fra uno schizofrenico e tutti gli altri – 1

Il week end dopo le feste sono finito al centro commerciale. E non una, ma ben due volte.
È sempre un’esperienza interessante, perché parlo con tanti amici che di solito non ho modo di frequentare.

La scelta di andare al Centro Commerciale


Buonsenso

– Andare al CC di sabato, per di più dopo Natale, è come essere Brad Pitt in World War Z. Senza l’happy end. E senza essere Brad Pitt.
«Lo so. Però mi servono i pannelli termoriflettenti da mettere dietro al calorifero»
– Ma se nemmeno sai cosa sono! Hai visto un video su Youtube e ora pensi che servano anche a te.
«Ma era fatto bene. Vedrai che mi serve.»
Coscienza
– La triste verità è che ti ha convinto il mix prezzo basso + fatica zero. Che anche se non servissero a un tubo, cosa che in cuor tuo temi e tanto non hai davvero la possibilità di verificarlo, hai speso poco, non hai fatto fatica e hai la coscienza a posto.
«Devo anche comprare del filo interdentale.»
Buonsenso
– Quale idiota affronta l’apocalisse zombie, cioè la Coop di sabato, solo per del filo interdentale?

«Ma no, al Brico ci stanno i pannelli, alla Coop il filo e pure anche pane e grissini e latte, che siamo agli sgoccioli. E poi al CC ci stanno pure due gioiellerie. Ne approfittiamo per farci un’idea del prezzo delle fedi.Dai ragazzi, lo sapete che mi devo sposare.»
Buonsenso
– Sai già qual è il prezzo di quei due inutili cerchietti di metallo dorato: sempre troppo.
«Sentite, queste cose mi servono, okay? Non ci andrei se non fosse necessario.»
Coscienza
– La triste verità è che sei un compulsivo dormiente. Assuefatto al consumismo, come tutti, pronto a sfoderare il portafoglio e a sperperare il tuo stipendio in banalità dell’ultima ora. L’unica cosa che ti salva è l’amico qua sopra.

Buonsenso
– E il fatto che non non c’hai il becco di un quattrino.

Continua…